Episodio quattro * La Mappa

Victoria si risvegliò legata a una sedia. Si guardò intorno e vide che si trovava in una fabbrica di scarpe. C’erano scatole da confezione sparse sul pavimento con il logo inconfondibile della marca “Duck Shoes”.

Come ci sono arrivata qui? Pensò.
In quel momento la porta della stanza si spalancò ed entrò una donna. Victoria la riconobbe immediatamente: era Ginevra, l’ex ragazza di Alex.
«Ti sei svegliata ladra di fidanzati!» disse la ragazza.
«Ladra io? È lui che ti ha lasciato perchè sei una psicopatica e la dimostrazione è che mi hai rapito!» ribatté Victoria.
«Sarò anche psicopatica, però io sono libera di andare a riprendermi Alex mentre tu starai legata qui come un salame» sghignazzò Ginevra.
Le si avvicinò e la guardò fissa negli occhi, lasciò cadere la sua borsa a terra e continuò a passeggiare.
Il telefono di Ginevra squillò.
La ragazza guardò il numero e sbuffò, poi rispose.
«Che vuoi?» disse irritata Ginevra allontanandosi da Victoria.
«Si è svegliata, muoviti, non posso stare qui tutto il giorno a fare da baby sitter a questa bamboccia…» continuò la ragazza.
Victoria approfittò del momento di distrazione di Ginevra per sfilare una mano dalla corda che la teneva legata alla sedia e vide nella borsa l’Ipad della psicopatica. Lo estrasse e aprì l’applicazione per le note scritte a mano. Fece uno schizzo veloce del luogo dove si trovava: la strada che portava alla fabbrica, un gelato per indicare la gelateria di fronte, una macchinina per suggerire il parcheggio a sinistra e una papera con una scarpa per indicare il nome della fabbrica in cui era prigioniera.
Sperò che Alex capisse la mappa.
Cliccò su “Condividi su Facebook” e inviò un messaggio privato ad Alex dal profilo di Ginevra per fare prima.
Rimise l’Ipad nella borsa e rinserì il braccio nella corda appena in tempo, la ex era rientrata.
«Ora devo andare, se mi ricordo ti porto qualcosa da mangiare» ridacchiò la ragazza.
Mentre usciva la porta si spalancò di nuovo e una figura maschile corse dentro la fabbrica.
Victoria sperò che fosse Alex che era venuto a salvarla.
L’uomo mollò un pugno in faccia a Ginevra, mancandola.
Però la ragazza si accasciò lo stesso, forse aveva visto male, il gancio era andato a segno.
L’uomo le si avvicinò e tirò fuori un coltello. Ora che lo potè vedere meglio, Victoria capì che non era Alex, ma Richard, il suo ex.
Era stranamente felice di vederlo, almeno qualcuno era venuto a salvarla.
Forse Alex non era abbastanza innamorato di lei per impegnarsi a capire una mappa fatta velocemente.
Richard la slegò e la aiutò ad alzarsi.
«Mi dai il tuo telefono?» chiese Victoria «Devo chiamare Alex, sarà in pensiero per me».
«Lascia perdere, ci ho parlato stamattina, pensa che sia una buffonata, non gli interessa niente di te» rispose Richard.
«Ma come?! Come ha potuto? Dice sempre che sono la cosa più importante della sua vita…»
«Lui dice molte cose, ma poche di queste sono vere, tesoro. A lui interessa solo la fama. Sono io il tuo eroe, baby» aggiunse Richard.
Il suo ex le aprì lo sportello e la fece salire in macchina.
Victoria non si accorse che in quel momento stava arrivando di corsa una macchina familiare.

Annunci

Un pensiero su “Episodio quattro * La Mappa

  1. Wow non vedo l’ora di leggere l’ultimo episodio!!! Sono bravissimi questi ragazzi!!!! E sono anche pieni di fantasia e creatività!!!! Complimenti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...